LE NOSTRE RAGAZZE IN A2

Oggi incontriamo Adele Cancelli (2004)

+++ +++ +++

1. Quando hai iniziato a giocare a pallacanestro?

Ho iniziato a giocare a basket a 11 anni, esattamente 5 anni fa, a Trescore.

2. Che cosa ti ha fatto innamorare tanto del basket?

Ho fatto il primo allenamento per puro caso, non mi aveva mai attirato come sport. Dopo i primi giorni di prova, non ero molto convinta sulla mia scelta ma motivata dalle nuove compagne, con le quali mi sono subito trovata bene ho voluto continuare a praticare questo sport. Alla fine della prima stagione, ero in dubbio se continuare o smettere ma fortunatamente Carmen Farinotti, vice allenatrice dell’anno prima, mi ha convinto a continuare e poco per volta mi sono innamorata di questo sport.

3. Come definiresti il tuo stile?

Forte e determinato.

4. Chi è il/la tuo/tua giocatore/trice preferito/a?

Il mio giocatore preferito è Lebron James, anche se non seguo tanto l’NBA a volte guardo alcuni pezzetti delle partite e mi piace molto come gioca. 

5. Cosa significa per te essere in A2?

È una grandissima soddisfazione, sono felicissima!! Le compagne sono tutte super disponibili come gli allenatori e tutta la società; abbiamo già giocato le prime due partite di campionato e la cosa più “bella” è incontrare atlete della mia stessa altezza se non più grandi che mi faranno crescere molto tecnicamente insieme a Monica e Michele.

6. Chi ti ha meravigliato di più, nel roster di quest’anno (così lo diciamo a tutte le altre)?

Le mie compagne come detto precedentemente sono davvero tutte disponibili e simpaticissime, mi trovò davvero bene con loro; Patrizia e Alice, hanno molta più esperienza e infatti mi danno tantissimi consigli sul gioco visto che abbiamo più o meno gli stessi ruoli e la stessa statura.

7. Come vedi il tuo futuro nel basket? Ti piacerebbe giocare negli Stati Uniti?

Spero di continuare a giocare e a crescere sempre di più, visto che ho ancora tantissimo da migliorare.   Se un giorno dovessi giocare negli Stati Uniti, sarebbe un’esperienza davvero unica e indimenticabile, perciò si, mi piacerebbe moltissimo.

8. Che consiglio daresti a un’aspirante cestista?

A un aspirante cestista direi di fidarsi degli allenatori e soprattutto di credere sempre in se stesso e nelle proprie capacità.

9. Vuoi mandare un saluto a qualcuno?

Si, vorrei prendere l’occasione per salutare e ringraziare tutti gli allenatori e preparatori atletici che mi hanno allenato in questi anni; un saluto speciale lo dedico a Carmen che mi è sempre stata vicino fino all’anno scorso e a Monica che mi sta facendo crescere tantissimo.